Team dell’accesso vascolare: Modelli organizzativi

Abstract

Il nefrologo, che si confronta con tutti i problemi inerenti all’insufficienza renale, è anche da sempre principale gestore della terapia emodialitica. Per tale motivo tocca al nefrologo, in prima istanza, occuparsi dell’accesso vascolare disponendone l’allestimento, la sorveglianza e la manutenzione a garanzia della possibilità di effettuare il trattamento sostitutivo.

Rispetto a quanto avviene in altri paesi, in Italia l’attività dell’accesso non è ad oggi standardizzata né strutturata; ciascun centro dialisi si organizza in funzione delle capacità dei nefrologi ivi operanti e delle collaborazioni di altri specialisti presenti nell’ospedale, spesso senza un percorso strutturato e con modalità di intervento per lo più fondate sulla disponibilità personale e sul volontarismo.

Partendo dalla storia dell’accesso vascolare in Italia, abbiamo individuato tre tipologie organizzative che correlano, da un lato, con il contesto storico in cui sono sorte e, dall’altro, con il progresso, in termini di dispositivi medici e competenze specialistiche, che ha via via modificato i comportamenti.

  • Il modello organizzativo “primordiale” vede il nefrologo confezionare e correggere personalmente gli accessi.
  • Nel modello polispecialistico, che nasce successivamente, il nefrologo inizia a delegare ad altri specialisti, più competenti sul versante tecnico, singole fasi del lavoro; resta colui che inizia il percorso e detta i tempi ma perde, talora, il controllo della gestione complessiva.
  • Nel modello strutturale integrato, ideale ma non ancora integralmente realizzabile, il chirurgo dedicato all’accesso dialitico ed il radiologo interventista interagiscono da vicino con il nefrologo, che funge da regista, coordinatore e amministratore di tutto il processo di gestione dell’accesso vascolare. La formazione culturale – specifica e necessaria – e la conoscenza del programma terapeutico complessivo sono condivise dal team dell’accesso. In tale modello integrato dovrebbero essere trovate soluzioni perché anche la responsabilità professionale ed il rimborso amministrativo risultino bene “integrate” tra i vari specialisti ed operatori sanitari che partecipano all’attività.

Il rimborso a D.R.G. com’è attualmente regolato presenta incongruenze e può produrre effetti contrari alla migliore cura del paziente.

Le Aziende ospedaliere attualmente non riservano all’accesso vascolare, parte irrinunciabile della terapia dialitica, l’attenzione necessaria e non comprendono come una corretta gestione del problema, fondata su percorsi organizzati, migliori la qualità di vita del paziente e contenga il costo assistenziale della dialisi. La gestione complessiva dell’accesso vascolare dialitico non può più fondarsi, attualmente, solo sulla “buona volontà” del nefrologo dializzatore, ma richiede regole strutturali. Pertanto andrebbero definite le motivazioni professionali mediante l’attribuzione di precisi compiti, con lo scopo di meglio identificare e minimizzare il “rischio organizzativo”. L’individuazione di meccanismi economico-organizzativi-normativi che privilegino anzitutto l’ottenimento del risultato e, a seguire, che premino il lavoro di tutta la squadra che l’ha generato è la condizione prima per creare il modello integrato.

E’ più che mai tempo che l’accesso vascolare entri a pieno titolo nel sistema qualità della dialisi e per farlo, a nostro avviso, il modello organizzativo integrato è l’unica soluzione possibile.

Contenuto disponibile per i soli utenti loggati
Share

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi