Il calcolo del GFR dal neonato all’adulto

Abstract

Il filtrato glomerulare stimato (e-GFR) nei bambini e negli adulti è calcolato utilizzando formule diverse tra cui Schwartz (e-GFR= k*L/Scr), MDRD e  CKD-EPI sono le più utilizzate.

Nei bambini molto piccoli, a partire dai neonati pretermine, eistono fattori di correzione che consentono una stima adeguata del filtrato glomerulare che tiene conto della massa muscolare: per la formula di Schwartz, che è la formula maggiormente utilizzata, si utilizzano infatti costanti k diverse a seconda dell’età, dal prematuro all’adolescente.

Queste k sono state messe a punto negli anni per l’utilizzo della Creatinina sierica dosata con il metodo di Jaffè del picrato alcalino.

Questo metodo, a causa dei problemi di standardizzazione e di calibrazione del test, è stato sostituito nella maggior parte dei laboratori in tutto il mondo dal metodo “enzimatico” definto anche IDMS.

Questo metodo di dosaggio della creatinina è lo standard con il quale sono state messe a punto le formule MDRD e CKD-EPI per l’adulto che molti laboratori utilizzano anche in Italia routinariamente per il calcolo automatizzato del e-GFR.

Negli ospedali pediatrici per il calcolo di e-GFR viene utilizzata routinariamente la formula di Schwartz, per la quale è stata recentemente pubblicata una nuova costante k tarata sulla creatinemia enzimatica ma non è ancora stata pubblicata una costante che tenga conto delle diverese fasce d’età nell’età pediatrica.

Dal trasferimento di un adolescente ad un centro per adulti il e-GFR calcolato con la formula di Schwartz è sostituto dalla formula MDRD o CKD-EPI con riscontro di discrepanze anche molto significative e disorientamento dell’utente e del medico.

Il Gruppo di Studio Adulto Bambino della Società Italiana di Nefrologia ha effettuato uno studio per mettere a punto una formula specificamente indirizzata agli adolescenti che risolvesse il problema della discrepanza fra le diverse formule utilizzate per il calcolo del e-GFR nell’età pediatrica e nell’adulto.

Questo studio ha portato all’identificazione di una nuova k per la formula di Schwartz e un fattore di conversione da utilizzare nella fascia d’età 15-19 anni per ottenere la congruenza con la formula MDRD e CKD-EPI ed evitare erronee interpretazioni dei risultati.

Questa nuova k è in fase di validazione ed è quindi benvenuto il contributo di tutti i nefrologi italiani per capire se è utile e estendibile: potete utilizzare le formule che saranno specificate nei paragrafi successivi e contribuire ad allargare la casistica in studio fornendo in maniera anonima i dati dei soggetti in cui avete utilizzato la formula secondo le istruzioni richieste nella scheda finale.

Contenuto disponibile per i soli utenti loggati